Apertura del Museo a Calcinate (BG), 1984

Primo Convegno e Concorso per le scuole, 1987

Inizio della Scuola di Missionarietà, 1988

Apertura del Villaggio Africano, 1989

Inizio Progetto Adozioni, 1996

Apertura della nuova sede a Basella di Urgnano, 2002

Prima mostra temporanea interattiva, 2005

LIM e audio video guide iPod Touch, 2007

Mostra temporanea interattiva “Kazi Njema! Buon lavoro!”, 2008

Riqualificazione delle aree esterne, 2010

Mostra interattiva con postazioni mobili, 2013

Nuova collezione permanente in sala arte, 2014

LA MISSION DEL MUSEO AFRICANO

Far conoscere tradizioni, abitudini e principi di diversi popoli, così come far luce sulle trasformazioni sociali, artistiche e spirituali in atto nell’Africa subsahariana costituiscono la missione culturale di questo museo.

Il Museo Africano ha sede all’interno del convento di Basella di Urgnano (Bergamo), edificato intorno al 1460 da Bartolomeo Colleoni per i frati domenicani. Dal 1920 il convento è abitato dai Missionari Passionisti, congregazione religiosa fondata da San Paolo della Croce nel 1743, secondo tre finalità principali: formazione, solidarietà, cultura.

Alla luce di questi princìpi-guida i Passionisti hanno realizzato il Museo nel 1984 a Calcinate (Bergamo). Dall’autunno 2002 il Museo è all’interno della casa provinciale dei Passionisti, inserita nell’affascinante contesto storico e naturalistico del Parco del Serio.

Tutti i proventi del Museo sono devoluti alle opere missionarie di realizzazione e mantenimento delle scuole e dei laboratori artigianali per giovani in Kenya e Tanzania.

Attraverso l’osservazione e la manipolazione degli oggetti, le attività creative di laboratorio e le animazioni interculturali, ogni partecipante è invitato a interrogarsi sulla propria identità e sulla propria cultura, per scoprirla consapevolmente attraverso l’incontro con l’Altro.

Il plesso è facilmente raggiungibile dall’aeroporto di Milano- Orio al Serio, da cui dista solo 5 km; dalle più vicine stazione ferroviarie di Bergamo e Treviglio e dall’uscita autostradale di Bergamo. COME RAGGIUNGERCI.

 

parco-museo_africano-w museo_africano-scuolaElementare-VitaInVillaggio-21-web museo_africano-arrivo-7-web-e1432652188795 museoafricano-mostra1-dett museoafricano-bogolan2 Museo-Africano-laboratori-pre museo_africano-scuolaMedia-AFROSPETTACOLO-7-web museo_africano-scuolaElementare-AFROSPETTACOLO-11-web1 museo_africano-scuolaElementare-VitaInVillaggio-22-web museo_africano-scuolaElementare-VitaInVillaggio-12-web museo_africano-scuolaElementare-salaARTEconTABLET-6-web museo_africano-scuolaMedia-salaARTEconTABLET-3-web-e1432630645214 VISTA-SALA-1-museo_africano-w 19-Pesi-per-oro-Akan museo_africano-scuolaElementare-labSCULTURA-18-web museo-africano-tablet-mamma-figlio1 museo_africano-arrivo-11-web museo-africano-accoglienza-piccoli 03-Vista aerea_museo_africano-w museo-africano-lab-villaggio-famiglia museo-africano-afrodanza-pubblico museo-africano-lab-batik-mani museo-africano-Sala-conferenze museo-africano-inaugurazione-collezione-e1428739770287 museo-africano-villaggio1
Scuole e Centri Ricreativi Estivi

Il Museo Africano propone alle scuole un percorso ludico interattivo organizzato in quattro tappe:

  • accoglienza con saluto di rispetto all’insegnante e cerimonia del tè;
  • visita giocata alla mostra temporanea “Kazi Njema! Buon lavoro” (per tutti) e lezione interattiva con tablet e lavagna multimediale nella collezione artistica (a partire dagli 8 anni);
  • laboratorio di manipolazione per apprendere una tecnica di produzione artigianale africana;
  • racconti, canti e danze con una persona migrante originaria del continente africano.

 

Gruppi organizzati

Un filmato su stili di vita, valori e espressioni artistiche comuni a molti popoli a sud del Sahara precede la visita guidata alle sale del Museo. Maggiori informazioni per la visita e la prenotazione nella pagina dedicata ai gruppi.

 

Famiglie e singoli visitatori

Audio video guide su tablet sono disponibili per facilitare la comprensione delle opere della sezione artistica e per conoscerne i popoli di provenienza. Vai alla pagina dedicata.

 

Formazione volontari

Da ottobre a giugno dell’anno successivo ogni seconda domenica del mese un ciclo di incontri con i missionari si propone di promuovere la conoscenza della congregazione Passionista per tutti quanti intendono sostenerne a vario titolo le attività in Italia e in Africa.

 

Stage e tirocini

Sono attivate convenzioni con le Università di Bergamo, Milano Cattolica, Venezia Cà Foscari per studenti universitari, laureandi e neo laureati per supporto alle attività di Affiancamento alle attività di animazione con scuole e centri estivi nelle sale del museo, conduzione dei laboratori di manipolazione, implementazione di progetti di ricerca e documentazione sulle arti plastiche africane, progettazione e realizzazione di campagne istituzionali di comunicazione. Maggiori informazioni nella pagina collabora con noi.

TORNA SU